Ultima modifica: 20 Luglio 2019

Privacy

Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati

Il Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, di seguito anche RGPD) e del Consiglio del 27 aprile 2016 «relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE», in vigore dal 24 maggio 2016, e applicabile a partire dal 25 maggio 2018, introduce la figura del Responsabile dei Dati Personali (RDP o in inglese DPO, Data Protection Officer) (artt. 37-39);

Il predetto Regolamento prevede l’obbligo per il titolare o il responsabile del trattamento di designare un RPD (DPO) «quando il trattamento è effettuato da un’autorità pubblica o da un organismo pubblico, eccettuate le autorità giurisdizionali quando esercitano le loro funzioni giurisdizionali» (art. 37, par. 1, lett. a);

Le predette disposizioni prevedono che il RPD (Data Protection Officer) «può essere un dipendente del titolare del trattamento o del responsabile del trattamento oppure assolvere i suoi compiti in base a un contratto di servizi» (art. 37, par. 6) e deve essere individuato «in funzione delle qualità professionali, in particolare della conoscenza specialistica della normativa e delle prassi in materia di protezione dei dati, e della capacità di assolvere i compiti di cui all’articolo 39» (art. 37, par. 5) e «il livello necessario di conoscenza specialistica dovrebbe essere determinato in base ai trattamenti di dati effettuati e alla protezione richiesta per i dati personali trattati dal titolare del trattamento o dal responsabile del trattamento» (considerando n. 97 del RGPD).

Il 19 settembre 2018 sono entrate in vigore le nuove regole in materia di trattamento e libera circolazione dei dati personali pubblicate oggi sulla Gazzetta Ufficiale (4 settembre 2018). E’ stato così recepito anche dall’Italia con il DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2018, n. 101, il regolamento Ue 2016/679 (GDPR), che abroga la direttiva 95/46/CE (regolamento generale sulla protezione dei dati).

In adempimento delle prescrizioni di cui al Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, così come recepito dal D. Lgs n. 101/2018 si pubblica quanto segue:

  • Data Protection Officer (DPO) dell’I.C. di Torre Boldone:

Nome e cognome: Massimo Zampetti
Denominazione: Privacycert Lombardia S.r.l.
Via / Piazza: Pass. Don Seghezzi N. Civico 2
Città: Bergamo Cap. 24122
Provincia: BG
Telefono 035 413 94 94
Email: lombardia@privacycert.it
PEC: lombardia@pec.privacycert.it
Sito web www.privacycert.it

Informazioni e aggiornamenti

  • Si possono usare i videofonini a scuola?  Gli scrutini sono pubblici?  Si possono filmare le recite scolastiche?  Le scuole possono installare telecamere? Scarica il Documento del Garante della Privacy  [pdf 948KB]

Modifiche della politica della privacy

L’IPSSAR di san Pellegrino Terme modificherà di volta in volta la presente policy della privacy. Qualora l’Istituto modifichi in termini sostanziali le modalità di trattamento dei dati personali dell’utente provvederà a modificare questa pagina.

Gli interessati hanno il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.

Le richieste vanno indirizzate all’ I.C. di Torre Boldone:

  1. Dirigenza ed Uffici amministrativi: Via Donizetti, 9 – 24020 Torre Boldone (BG) Italy
    Tel. +39 035 341209
    email (PEC):
    bgic882009@pec.istruzione.it  PEO: bgic882009@istruzione.it

Allegati